Le piante di mezzo

Le piante di mezzo

libro

Condivido e ho sempre lavorato come se già seguissi il pensiero letto su “Come un giardiniere” di Paolo Tasini

“Le piante di mezzo, quelle a confine tra il selvatico e il gentile sono le mie preferite: le piante di mezzo ho deciso di chiamarle: Non selvatiche ma anche non completamente e irrimediabilmente da giardino; non bizzose, indomabili bellezze e neppure tronfie caramelle per gli occhi. Per piante caramella intendo alcune vistose presenze che riempiono i nostro garden center, piante rutilanti ed esplosive nei colori che portano con sé oltre a un’idea di innaturalità anche parecchia debolezza. Tante di loro, essendo frutto di un lavoro di selezione intenso, alla prova del giardino hanno serie difficoltà o quanto meno alte richieste di manutenzione; sono egocentriche, tutti i pollici dedicati possono non essere sufficienti per vederle in salute. In molti nostri giardini stanno come potrebbero stare raffinati parigini nella giungla.

Qualche esempio facile facile? Tante rose ibridi di Tea, tutte le Impatiens Nuova Guinea, le viole del pensiero, la moltitudine dei cosiddetti crisantemi dei fioristi (ibridi con sangue da Chrysanthemum indicum e Chrysanthemum morifolium)”

________________________________________

Mi piacerebbe anche un giardino come quello delle foto sotto: (fotografato a Rodmell in Inghilterra il 6 agosto 2007 alla Monk’s House di Virginia Woolf)