– La liberazione

LA LIBERAZIONE

Liberarsi da … qualsiasi cosa è un evento da festeggiare almeno con una crostata…

Io l’ho fatto e ne abbiamo approfittato per ricordare chi e cosa meritavano un tale dolce pensiero: liberarsi da un compito in classe, da un lavoro di poca soddisfazione, liberarsi da un ambiente lontano dagli affetti, liberarsi da un vicino scostante, da un impegno fastidioso, da un ambiente intollerante…

Inoltre

si sta avvicinando il 25 APRILE, la festa della Liberazione,  sappiamo che è una festa nazionale, la nostra nazione è  l’ Italia, quindi  in Italia per tutti è una giornata di festa,  con chiusura di scuole ,  uffici… e chi lavora potrà recuperare la festività.

Perchè questa  festa? Se qualcuno non ricorda può cliccare QUI.

Dunque almeno sapere perchè sia  festa nazionale s’ha da fare… se poi non tutti gioiscono per  la ricorrenza storica  non possono non amare la LIBERTA’ che ognuno  ricerca e persegue continuamente, magari sotto forme diverse, ma  se giuste e condivise portano ad una vita più decorosa per tutti.

La libertà totale per ognuno sappiamo non può esserci, ma la libertà di conoscere, di capire, di esprimersi, di pensare, di vivere… dobbiamo cercare di garantircela, e non è così scontato averla… dobbiamo guadagnarcela con impegno e coraggio!!!

La torta è pronta, la divido virtualmente con tutti voi che sicuramente non volete nè prigioni nè sbarre mentali, quelle fisiche sono meno pericolose 😉

BUONA LIBERAZIONE A TUTTI!!! 

Annunci

– È Pasqua

Ieri qualche piccola incombenza, la preparazione alla Pasqua non è più affannata come quando  figli e  nipoti richiedevano attenzioni per sacro e profano…  le funzioni religiose, le uova pasquali… ognuno il cioccolato preferito, la sorpresa di probabile interesse, il regalino primaverile… il viaggetto con tutti i preparativi, pranzo compreso e tutto l’ambaradan al seguito… Che energia avevamo! Certo non avevo il tempo per scrivere sul blog,  per leggere,  per fotografare il mio veloce cucinare!

Beh, insomma ieri abbiamo fatto due veloci visite: alla nonna  e al catafalco della parrocchia, visto che per quest’anno hanno prolungato il tempo di esposizione! (Per il catafalco vedi link fondo pagina)

Metto due foto scattate da me con un po’ di sospetto che la mia azione non fosse proprio lecita,  mentre i presenti si accingevano silenziosamente al sacramento della confessione.

– l’altare pasquale  – il catafalco senza il Cristo morto (essendo passato il venerdì)

 

E oggi si cucina: agnello al forno con patate, torta al cioccolato farcita e una coppetta di fragole. Siamo soli e tranquilli, vediamo se “viene buono”! La ricetta,  trovata in internet e salvata nei segnalibri, questa mattina non è stato possibile aprirla: sito superaffollato, quindi sono andata a memoria e con qualche tocco di mio… !!!

Gli ingredienti: qualche rametto fresco dall’orto, la carne a pezzi marinata per un’ora in olio, vino bianco e spezie, patate, anche loro marinate … e tutto in forno: prima la torta (senza marinata), poi l’agnello  raggiunto dopo mezz’ora dalle patate.

   

 

dopo tre ore di forno da 180° a 200° infornando e sfornando… siamo pronti con tutto… fortunatamente le fragole non richiedono cottura!!!

 

BUON APPETITO E BUONA PASQUA A TUTTI!!!

Links

pdf con informazioni sul catafalco di Morbegno

tradizioni della settimana santa, a Morbegno

– Una crostata?

Vi piace?

Oggi non è giornata per me!!! Nel senso che per fare la crostata ho bisogno di energia, ottimismo, vivacità… spero che voi ne abbiate e vi  possiate mettere all’opera…  Io mi sono decisa almeno a pubblicare la ricetta. – Sì, lo so che ci sono tantissime ricette di crostate in internet… ma questa è la mia!- 🙂

 

Allora partiamo con ricettari vecchi e nuovi. Io mi sono consultata con entrambi per accertarmi di fare correttamente, sì, è un mio modo di procedere: devo sentire almeno “due versioni” per avere una maggior sicurezza che quel che faccio sia buono e giusto, già dai tempi giovanili quando studiavo, beh ogni tanto studio ancora, ma già da quei tempi in cui internet non c’era io dovevo avere due libri o un libro e gli appunti…

Basta chiacchiere e al lavoro:

Ingredienti: – 300 g di farina 00, 120 g di zucchero, 150 g di burro, 1 uovo intero e 2 tuorli, 1 cucchiaino di lievito o bicarbonato, una bustina di vanillina, marmellata di frutti di bosco. Adesso guardate le foto, leggete le didascalie passandoci sopra il mouse e procedete…

   

   

          

Spero che vi venga deliziosamente irresistibile da non durare che poche ore!!! ma.. attenzione al forno: ognuno è una storia a sè… quindi bisogna fare i conti col proprio e mettersi bene in accordo 😉

– Frittelle di zucca per Halloween

Ecco una ricetta per fare delle frittelle di zucca per Halloween. Ormai siamo a fine giornata, ma qualcuno ci potrebbe provare per i “Santi” o per altre ricorrenze,  in onore alla bellissima e buona

ZUCCA

                                                                                               Esecuzione:

                   

Ora vi metto le foto del mio lavoro,  da 1 a 10…. 3 ore di tempo massimo per preparare le frittelle e mangiarle in compagnia…

   

   

   

Buon dolce  halloween anche a voi !!!

– Il pesto di Alice

– Alice forza, oggi al lavoro, il basilico è già  fiorito, verde, tenero, profumato… trasformalo in una fresca salsa per condire le spaghettate invernali!!!-

–  Ok, immolerò un pomeriggio in onore alla formica che c’è in me… anche se la cicala si sa è più tentatrice col suo richiamo musicale!!!  A questo proposito mi viene una riflessione: “Restate affamati, restate folli”  di Steve Jobs non è in linea con  la famosa  favola di Esopo!   Noooo? cattivo allineamento di idee?     Va beh, procediamo con questa ricetta che è meglio! –

 

1)  il basilico raccolto nell’orticello  2) Il micione controlla se profumo e sapore sono ok

Quali ingredienti dovete aver pronto per circa 6 persone, fate poi le dovute proporzioni se decidete di fare un po’ di scorta per l’inverno come me, raddoppiando, triplicando in base alle foglie di basilico, anche gli altri ingredienti. Ok?

Dunque per circa 6 persone dovreste utilizzare:

     

– 50 foglie di basilico         – una manciata di pinoli o noci o un misto di entrambi

         

– 2/3 cucchiaia di grana       – olio di oliva q.b.    – uno spicchio di aglio

              

-un  pizzico di sale  – uno spruzzo di  pepe   – vasetti puliti

Procedimento da seguire:  (passa il puntatore su immagine per leggere , clicca per ingrandire le immagini)

     

        

   

– Io, mi dicono, potrei definirmi “una formica folle”!!! –

(Questo  lavoro risale a lunedì 29 agosto 2011, ringrazio l’aiutante Tom che  ha prestato la sua manodopera unita ad un pizzico di umorismo… che non guasta!)

Dunque, se vi metteste all’opera, per un qualunque lavoro

“Buona formica folle a tutti” !