La pace nel mondo

LA PACE pare tutti la vogliano… ma le guerre continuano, la violenza, la prepotenza, l’arroganza fanno da padrone in ogni luogo… quindi come si spera di crescere un esercito per la pace?

Le guerre non devono venire, ma come? basta con la retorica e i  buonismi! forse bisogna imparare ed allenarsi ad essere forti, fortissimi, perché non cadere in guerra è dannatamente difficile per gli uomini.

Questa riflessione mi ha portato a tornare ad una lettura,  fatta diversi anni fa, di un saggio di Virginia Woolf “Le tre ghinee”,  che mi aveva profondamente colpito e dopo di allora il mio atteggiamento nei confronti delle guerre passate, presenti e future è decisamente mutato.

Le tre ghinee

Leggendo “Le tre Ghinee” saggio scritto in risposta ad una richiesta di consiglio su come prevenire la guerra si incontrano 4 maestre.

Le 4 maestre: la povertà, la castità, la derisione, la libertà da fittizi legami, sono i requisiti necessari a rimanere esseri umani civili, i soli che possono impedire la guerra.

Cosa sono le 4 maestre o condizioni/requisiti necessari a rimanere esseri umani civili? secondo l’autrice sono:

1- la POVERTA’: denaro sufficiente per vivere, cioè guadagnare abbastanza da non dipendere da nessun altro e da poter comperare quel minimo di salute, di tempo, di sapere… che occorre per sviluppare appieno il corpo e la mente, ma nulla di più

2- la CASTITA’: rifiutare di vendere il cervello per denaro, ma farlo solo per amore della ricerca e della sperimentazione, o per amore dell’arte o per aiutare gli altri

3- la DERISIONE: rifiutare la pubblicità di merito (il ridicolo,  l”oscurità e la disapprovazione sono preferibili per ragioni psicologiche alla fama e alla lode) Non accettare insegne, onorificienze o titoli

4. la LIBERTA’ DA FITTIZI LEGAMI: libertà dall’orgoglio per la propria patria, religione, università, scuola, famiglia, sesso…

Ma come fare a giudicare la correttezza delle nostre azioni? Privatamente che ognuno sappia valutare attraverso il suo “psicometro” e pubblicamente un aiuto ce lo può dare la consultazione dell’ “Antigone” di Sofocle (Antigone in pdf).

Che si possa evitare la guerra solo attraverso una prevenzione mooolto capillare che potrebbe diventare anch’essa una guerra alla guerra!

Tre ghinee by Virfinia Woolf, Hogarth Press, 1938, cover design by Vanessa Bell

 

Annunci

6 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. ili6
    Lug 25, 2014 @ 20:36:35

    Mi piace la Woolf, ma mi sa che in questo argomento va parecchio di utopia.Purtroppo.
    Il Primo stasimo dell’Antigone, peraltro, tratteggia benissimo l’essere umano, capace di magnificenze e di situazioni aberranti.
    Se avrai tempo, leggi da me, ho bisogno del parere di una collega.
    Un abbraccio, ciao

    Rispondi

  2. alicemate
    Lug 25, 2014 @ 23:09:06

    So che sembra utopistico, ma per ora è il solo a cui io ancora credo: EDUCARE alla pace, non si può combattere diversamente la guerra e lo descrivi benissimo tu con l’esempio del banco conteso. La guerra del banco è un gioco dove tutti si schierano e sperano vinca la propria squadra. Come la si ferma?
    Forse insegnando altri giochi che premino altri valori e mettano in ridicolo le prepotenze? Il gioco coinvolge e attiva fortemente, chissà!

    Antigone è capace di obbedire alla pietà, alla com-passione verso un essere umano anche se ha fatto scelte giudicate sbagliate.
    La lettura dell’Antigone, suggerisce la Woolf, è un metro per capire se siamo nel giusto nei confronti della pace: essere retti e autonomi nel giudizio anche contrastando le leggi se le si ritiene scorrette e avere il coraggio delle proprie scelte. Questo mi pare significhi essere persone civili, le sole in grado di contrastare le guerre dove molti hanno interessi e trattano paesi interi come scacchiere di un loro gioco. Ma perché questo funzioni bisogna essere in molte “persone civili” perché si prevenga il formarsi di dittature di ogni tipo che, in modo più o meno palese, dirigono il gioco a loro piacere.

    La soluzione possibile alle guerre, che cento anni fa ha spiegato molto bene nel suo saggio la Woolf, anche se in alcune parti è chiaramente da aggiustare al nostro tempo, è ancora attualissima… certo la si dovrebbe mettere alla prova per verificarne l’efficacia, ma è moolto impegnativa per tutti: è un “gioco” difficile che richiede anni di allenamento.

    Un abbraccio

    Rispondi

  3. popof1955
    Lug 29, 2014 @ 22:15:57

    Ho letto il tuo commento da Ili6, mi sono incuriosito passando al tuo blog e trovando questa bella pagina da cui non posso venir via senza lasciare una traccia.
    Ciao.

    Rispondi

    • alicemate
      Lug 30, 2014 @ 12:09:13

      Ciao Popof, benvenuto!
      Mi fa piacere che ti sia piaciuta questa pagina, forse un po’ impegnativa… in tutti i sensi, per quello che pretende di fare e, per chi non ha letto il libro 😉
      Grazie della visita e buona giornata!

      Rispondi

  4. Martine
    Ago 02, 2014 @ 18:10:48

    buon fine settimana!
    Martine

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: