– “L’eleganza del riccio” come “Cenerentola”

Cenerentola nella  portinaia Renée?

“L’eleganza del riccio” di Muriel Barbery: una fiaba?

Una fiaba che aiuta a vivere, che coltiva sogni, che…

insegna la gioia?

Non mi ha assolutamente entusiasmato la sua lettura, i personaggi che presenta non mi sono stati simpatici, non sono riuscita ad entrare in contatto, in sintonia con nessuno di loro, anche se alcune riflessioni mi hanno interessato e alcune pagine mi hanno incuriosito.

Ma ecco che mi appare la fiaba : l’eleganza del riccio, un riccio che come il rospo nasconde il principe, la strega che nasconde una generosa fata, la ragazzina maldestra che diventa una raffinata principessa, il povero che diventa ricchissimo…

Cenerentole e Cenerentoli di tutti i tipi che alimentano la nostra affamata brama di felicità! Una felicità insperata e improbabile ma necessaria al superamento della faticosa ripetitività  della gran parte delle nostre giornate.

Ricordate la fiaba di Cenerentola, specialmente nella seconda parte quando si trasforma nella  bellissima e misteriosa fanciulla che fa innamorare perdutamente il principe?

Altri racconti con storie di cenerentoli o cenerentole li troviamo in:

1 – La fabbrica di cioccolato romanzo di Roald Dalh da cui sono stati tratti i films omonimi, uno del 2005 diretto da Tim Burton dove il protagonista Charlie, il ragazzino povero ed educato,  avrà in dono una fabbrica di cioccolato.

2 – o “Alla ricerca della felicità” , un film del 2006 diretto da Gabriele Muccino dove il protagonista riesce a raggiungere la felicità seguendo una difficile risalita da “cenerentolo”…

3 – e il film di “Pretty Woman” dove la prostituta  diventa una signora.

4 – e il film “Pretty Princess” del 2001,  tratto dal romanzo The Princess Diaries  di Meg Cabot, dove un’adolescente impacciata si trasforma in una principessa.

5 – e  “Jane Eyre” di Charlotte Bronte. Jane Eyre è una bambina orfana che viene accolta presso i parenti dopo la morte dei genitori. In questa famiglia Jane è maltrattata dalla zia e anche dai suoi cugini…

Il ricco Mr. Rochester è colpito dalla vivida intelligenza e dall’indipendenza di spirito di Jane …

Nel libro della Barbery la portinaia-riccio Renée (la Cenerentola della storia) grazie alla sua intelligenza (a volte è  la bellezza, altre la bravura….) per lei è l’intelligenza,  potrà vivere momenti di grande felicità che normalmente sono negati ai poveri…

Altro esempio di cenerentolo  è “Oliver Twist” di Charles Dickens e il cartone della Disney che fa riferimento a questo classico: “Oliver e company”…

Chi ne conosce altri? Scrivete !

Links ad alcune versioni della fiaba:

Cenerentola  dei fratelli Grimm

Cenerentola  di Charles Perrault

Cenerentola di Walt Disney del 1950 

Annunci

11 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. anna vainetti
    Mag 10, 2012 @ 08:02:29

    ciao mi chiamo anna
    ed è molto bello questo blog
    Ciaooo

    Rispondi

  2. anna vainetti
    Mag 11, 2012 @ 18:51:40

    Ciao sono sempre io e ho visto anche il suo blog di classe. un bel commento anche a lui 😉
    Ciao

    Rispondi

  3. anna vainetti
    Mag 11, 2012 @ 19:16:23

    scusa se continuo a scrivere ma dovrei farti una domanda:
    Voi e la tua classe anno fatto le prove invalsi di matematica e italiano??

    Rispondi

    • alicemate
      Mag 11, 2012 @ 21:10:40

      ma quali scuse… a tutti i blogger fa piacere avere interlocutori!
      Sì, quest’anno prove Invalsi, oggi la seconda, cioè matematica, italiano fatta mercoledì! e noi insegnanti oggi altro pomeriggio allucinante a riportare i risultati su schede da mandare al Ministero!!!
      Nella vostra scuola no?
      Senti Anna, come insegnante potresti trovare qualche lettura utile anche su un altro blog a cui collaboro con Giacomo, un collega. Prova a vedere, è puntato sulla matematica, con qualche riflessione qua e là, lavori da scaricare fatti o adatti alla LIM. Questo è l’indirizzo:
      http://lameladiodessa.wordpress.com/
      trovi il link anche qui nel menù a destra: “Lameladiodessa”

      Tu cosa insegni? Hai la possibilità di usare la LIM?
      Ciao, torna quando vuoi!

      Rispondi

      • anna vainetti
        Mag 12, 2012 @ 13:18:58

        Devo farle un’altra domanda:
        Lei come ha fatto a inventare il blog?
        Bisogna pagare?
        Mi puoi dare istruzioni?

  4. alicemate
    Mag 12, 2012 @ 17:58:24

    Dunque, io non sono molto “tecnica”, ehhh … sono stata aiutata da mio figlio ad avviare i miei blog… diciamo che non si inventa nulla, bisogna solo scegliere fra le opportunità che ti da la wordpress (nel mio caso) e pian piano si impara ad utilizzare tutto.
    E’ tutto gratuito!
    Ti posso mettere un link dove vengono date le informazioni per partire, poi pian piano si impara: http://usare.wordpress.com/2007/08/06/8/
    Ok?

    Rispondi

  5. anna vainetti
    Mag 12, 2012 @ 18:36:28

    Sa Maria io sono una maestra di soli 20 anni!!!
    Quindi volevo iniziare con un blog di giochi e barzellette e allora ho cliccato sul link che mi ha suggerito.
    Io quando ho cliccato su “pagina iniziale” mi dice che devo mettere un indirizzo e-mail.
    Lo fatto e mi dice che l’indirizzo dominio può contenere solista lettere numeri e trattini e allora come indirizzo ho fatto: giochiebarzellete.wordpress.com e continua a darmelo!!!!
    Non so che fare ha qualche consiglio?
    Seno farei prima a lasciar perdere 😉
    Saluti 😉

    Rispondi

  6. alicemate
    Mag 12, 2012 @ 21:20:15

    l’indirizzo del blog mi pare giusto, devi inserire le altre informazioni che ti chiedono: il tuo indirizzo email, una password… poi dovrai scegliere un tema ( sarebbe il colore e le impostazioni di scrittura del tuo blog), poi dovresti avere lo spazio tuo e iniziare a fare le pagine, il menù, gli articoli… scrivere quello che vuoi. Non conosci nessuno che ti possa dare una mano? Io t’ho detto non sono espertissima… mio figlio questo fine settimana non c’è. Conosci l’inglese? questo è un grande aiuto perchè le richieste sono, o almeno erano tutte in inglese… e io ero in difficolta …
    Se ci tieni, non mollare, non è difficile, devi solo seguire bene le indicazioni!

    Rispondi

  7. anna vainetti
    Mag 12, 2012 @ 23:06:56

    Va bene,
    ma io voglio dire solo l’indirizzo l’altro lo so.

    Rispondi

  8. Zio Scriba
    Apr 06, 2014 @ 22:53:04

    Confermo l’incapacità della Barbery di rendere simpatici i suoi personaggi (eppure non era difficile!) il che dice molto, se non tutto, sulla (non) bravura della scrittrice. Ciao carissima! 🙂

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: