– Lou Salomé come Eloisa

Ho riletto, per errore caspita, con tutto quello che mi aspetta da leggere, ancora non mi posso permettere riletture per quanto molte lo meriterebbero, sia per il loro valore che per il mio bisogno!! Quindi perchè ho riletto?

Bene, solitamente stesse letture hanno lo stesso titolo, o no? Questi due mini saggi della Salomé invece no, chi li pubblica o chi li cura ne dà un titolo differente, quindi io non ci penso e parto a leggere perchè il libro dal titolo “Devota e infedele” è piccino e la recensione di Nadia Fusini mi attira. Mi immergo poi  nel primo saggio e mi dico:  – Caspita sei in sintonia con Lou, sei una piccola psicanalista, come capisci bene questi profondi pensieri… certo l’amore è amore, non si tratta di 1800 o 2000, il tempo non fa variare i sentimenti, le emozioni, le pulsioni  … –

Ok , mi trastullo nella mia candida illusione di mente acuta finchè mi sorge il dubbio??? E se l’avessi già letto? Indago e non ci vuol Sherlock Holmes:

è rilettura, acc, pace… è fatta ma fatta talmente bene che ho deciso di farne un secondo post aggiungendo le chiare indicazioni di Nadia.

Poi c’è Eloisa… ho in ordine un libro che non decide di arrivare che me la farà conoscere, lei con il suo Abelardo! Direte voi: fissata con l’amore di sti tempi? E certo, io di tutti i tempi mi innamoro di tutto e di più e sicuramente lo farete anche  tutti Voi.

A Voi innamorati dunque la mia  profonda ri-lettura.

– NOVELLA DIOTIMA

Lou Salomé esperta in amore, novella Diotima, come Eloisa, donna tutta e interamente filosofica.

Affascinante e crudele, infedele e devota è una provocazione e uno scandalo.

La brava Nadia Fusini così inizia la sua prefazione al libricino dal titolo “Devota e infedele” in cui sono riportati due saggi di Lou Andreas Salomé, intorno al problema dell’amore, come donna, come studiosa della psiche e della sessualità umana.

Nel 1899 pubblica “L’umano come donna”(Der Mensch als Weib)

Nel 1900 pubblica un altro saggio di cui il primo capitolo è

“Riflessioni sul problema dell’amore” (Gedanken uber das Liebesproblem)

Nel 1914 presenta “Il tipo donna” (Zum Typus Weib)

– LOU E NIETZSCHE

Lou è un piccolo genio… “

Di tutte le conoscenze che ho fatto, la più preziosa e la più feconda è stata per me quella della signorina Salomé. Solo dal momento che la conobbi, io divenni maturo per il mio Zaratustra.”

Ma l’ebrea russa, “la bestia bionda” non resta. Abbandona, tradisce. Procede a plasmare il suo ideale con le sole sue forze.

In collera Nietzsche le rimprovera l’egoismo feroce… mentre piace a Freud che chiamerà Lou la sua gatta narcisista.

Sempre Nietzsche ammette, anche se ferito, “ E’ una creatura di talento.”

– DALLA RELIGIONE AL SESSO

Alla fine del 1900 (Lou è nata nel 1861) l’oggetto della sua riflessione muta dalla religione alla sessualità (come amore fisico e come differenza dei due sessi).

Con Nietzsche aveva contemplato la “morte di Dio”, ora si avvia verso il mistero umano, troppo umano, dell’altro, quando l’altro prende le fattezze di un amante terreno: mon prochaine, mon frere, mon ami.

Il femminile è pienezza sferica, autosufficienza.

Il maschile è irrequietezza e inquietudine incessante.

– CONFRONTO FRA LOU SALOME’ E VIRGINIA WOOLF

Nadia Fusini è una grande conscitrice e traduttrice anche della Woolf e in questo contesto ce le pone a confronto. Come affrontano l’argomento dell’amore, della sessualità  due grandi donne quasi contemporanee?

Per la Woolf l’intera questione si poteva affrontare solo con un lieve pizzico di umorismo, addirittura di canzonatura. E più che di natura e biologia, si trattava di parlare di cultura e scomodare concetti niente affatto metafisici, assai banali come: le consuetudini, i costumi, le pigrizie mentali, le comodità, i vantaggi.

A Lou, la storia, questa storia non interessava. A Lou non interessava l’uguaglianza dei sessi, a lei interessava la questione della differenza sessuale… e questi “doni” facevano della donna una creatura umana “oltre-l’uomo”. In una sovversione dei valori, le debolezze femminili diventavano qualità svalutando le conquiste virili. (non per niente Nietzsche aveva identificato in lei , “l’oltre-uomo”).

Con altri paradossi Lou descriveva la donna come l’essere umano superiore, più fisico, più felice, più indipendente.

Secondo me è buono il punto di vista di entrambe, uniamoli e vedremo il problema fisico e sociale sotto una buona lente.. aggiorniamolo, non tanto direi, le due scrittrici avevano un buon canocchiale, o no?

L’ EROS

Non c’è amore senza egoismo, l’amore è amore di sé.

L’ impulso erotico obbedisce alla stessa spinta: nell’amore due estraneità, due contrari, due mondi si incontrano e questa spinta ci infiamma, ci accende. Per lo stesso motivo accade che le fiamme della passione si spengano. Ma quel che conta non è quanto duri, conta che la passione si scateni, perchè nell’esperienza della passione amorosa l’uomo, la donna si aprono a se stessi, e la mente e il corpo giungono ad uno sposalizio fecondo.

Erotico: forze fisiche e psichiche si mescolano.

La vita sessuale è localizzata in un punto preciso fisico come quella digestiva è nello stomaco.

“La funzione erotica coinvolge non solo tutto il corpo, ma tutto l’essere. Il corpo e lo spirito conoscono allora la felicità, l’intima gioia dei giorni di festa:  sono giorni di festa e di giubilo, allietati da suoni di timpani e trombe, e non c’è fine alla gioia interiore che pulsa fin nelle più remote fibre nervose. Una simile festa, un simile evento, è la vera manifestazione dell’ebrezza erotica, in cui l’amante sente corpo e anima uniti dentro di sè.

Perciò si dice anche, non a torto, che ogni tipo di amore rende felici, anche quello infelice.

Questa è solo la felicità dell’amare, senza considerare l’amato.

Amare e creare sono la stessa cosa.

La creazione è amore.

L’amore è creazione.”

Annunci

8 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. swamikia
    Nov 03, 2011 @ 13:16:46

    Ti devo scrivere perché per caso sono arrivata sul tuo blog e sono rimasta sbalordita.
    Sono italiana ma sto facendo la specialistica in Germania (Berlino) e sto attualmente scrivendo la tesi magistrale proprio sul teatro, sulle donne e anche Ibsen! Perché sì, mi sto follemente laureando in letterature comparate. Mi ero riproposta di leggere anche Salomé per la tesi, ma per pigrizia non l’ho fatto. Leggendo il tuo post, però, mi sono ricreduta.
    Che bella la passione per la letteratura.

    Rispondi

  2. Donatella
    Nov 03, 2011 @ 14:23:28

    Assolutamente vero…l’amore è sempre amore, non sente il trascorrere del tempo…grazie per la tua segnalazione, mi interessa particolarmente come tutto ciò che riguarda la storia femminile. Un bacione!

    Rispondi

  3. alicemate
    Nov 03, 2011 @ 16:07:09

    @ swamikia
    Ciao laureanda, il tuo cervello è emigrato ancor prima di completare la formazione? Tornerai da noi poveri di tutto tranne che di fantasia?
    Il teatro! Stupenda invenzione umana, la utilizziamo ogni giorno per vivere e sopravvivere, così quando dobbiamo farne uno spettacolo basta mettere in scena la vita senza maschere. 😉
    Beh, hai scelto qualcosa per divertirti un po’, non arricchirti troppo e trascorere i tuoi giorni emozionandoti e facendo emozionare?
    Son felice che ti sia impigliata nel sottile filo della mia rete e che questo ti abbia portato da Lou. Un forte “in bocca al lupo” per concludere i tuoi studi berlinesi.

    Pensami per un attimo passando la Porta di Brandeburgo, sarà come se io fossi lì 🙂

    Rispondi

  4. alicemate
    Nov 03, 2011 @ 16:23:06

    @Donatella
    Bene, la storia interiore è quella che scruta Lou
    E Virginia Woolf la conosci? E’ citata nel post ed è un personaggio di grande rispetto per il tema al femminile. I saggi “Una stanza tutta per sè” e “Le tre ghinee” sono forse i più ricchi di tali contenuti volti (invece) al sociale, attuali ancora anche se di cent’anni fa.
    Bacetti di lettura allora… ciao!

    Rispondi

  5. lordbad
    Nov 06, 2011 @ 18:48:35

    non posso che concordare…specie con le ultime parole riguardo l’amore…Grazie per aver riesumato questa lettura preziosa. Come disse qualcuno, un buon lettore è un rilettore 😉

    Rispondi

  6. alicemate
    Nov 06, 2011 @ 19:31:25

    Ciao lord, quanto sono felice del tuo accordo, un accordo maschile su come Lou intende amore, erotismo, sesssualità, e in particolare sull’Amore come Creazione. 😉 mille baci!

    Rispondi

  7. riccardo
    Nov 17, 2011 @ 13:43:12

    Ciao Alice!
    Ho letto un libro di Lou che si intitola, se non erro, “Riflessioni sull’amore” (prefazione di Chiara Degli Esposti) e che mi è piaciuto molto.
    Sapeva, la Nostra, parlare di un tema così complesso in modo sia analitico che in un certo senso, romantico. Grande!
    La chiave si trova secondo me in questa affermazione: “La funzione erotica coinvolge non solo tutto il corpo, ma tutto l’essere.”
    Infatti, qui Lou parla dell’amore come di qualcosa che va perfino oltre la sfera fisica per “liberare” totalmente la persona.
    Che non sia anche per questo che appunto l’amore è sempre stato demonizzato, nel corso dei secoli… e non solo dalla Chiesa?
    Una persona infatti che ama in quel modo non può essere manipolata, ricattata o tormentata da sensi di colpa, del peccato, dell’Inferno o anche dai moderni sensi di colpa: del mercato, dell’efficienza, della logica ecc.
    Molto interessante anche il parallelo con Eloisa ed aspetto direi addirittura con impazienza che ti arrivi il libro e che tu “sforni” un altro grande post in merito!
    Salutone!

    Rispondi

    • alicemate
      Nov 18, 2011 @ 16:30:10

      Ciao Riccardo, sapessi che piacere mi fa leggere i tuoi commenti!! Sei attento, competente e stimolante!!! Fortunati i tuoi studenti!
      Il libro di Lou che hai letto “Riflessioni sull’amore”(prefazione di Chiara Degli Esposti) è proprio quello che avevo letto anch’io, quello che ha gli stessi saggi riportati in questo dal titolo “Devota e infedele”, la differenza è nella prefazione che in questo è curata da Nadia Fusini, come ho scritto.
      Quindi i contenuti di Lou li conosci e come sento li hai apprezzati anche tu.
      Mi piace la tua riflessione sull’amore come chiave per la libertà e non come oppressione, schiavitù, rinuncia… E’ proprio in quest’ottica che anch’io vedo e vorrei vivere l’amore, ogni sorta di amore, ma vero, completo di coinvolgimento di tutto l’essere, perché possa essere CREATIVO!
      Eloisa… Sto leggendo: “Abelardo ed Eloisa Epistolario”, il parallelo con Lou, sì, lo si trova già dai primi capitoli, ma ho letto ancora poco. La lettura non è impegnativa, ma ci sono molte note e, se ti soffermi, il tempo del sonno giunge presto e non vedo una fine entro breve sigh sigh… quanto siamo fragili e bisognosi di continue cure e ricariche!!!
      Quindi il caos aumenta in casa, i libri in attesa si contendono mensole e ripiani, i più fortunati si stringono sul comodino e, chissà… riusciranno a mandarmi un po’ dei loro pensieri durante il sonno??? Eco dice che è possibile avere degli scambi con i libri e i loro autori anche con il solo possesso, dalla loro vicinanza, crediamoci! 😉
      A presto!

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: