1. Il cortile… nel “sottomondo”

1^ puntata:  Ritorno nel “sottomondo”… come “Alice in Wonderland”

Per capire meglio il racconto ho utilizzato diversi colori per il testo:

nero … tempo presente, esperienza vissuta in questo periodo

fucsia … tempo della mia infanzia, dai miei ricordi

azzurro … dalla fine del 1400, circa 500 anni fa, dal racconto del “bianconiglio”

__________________       ___       ____________________

Ognuno di noi ha un proprio “sottomondo”: un mondo nascosto, trascorso, dimenticato, volutamente taciuto o ricordato con orgoglio o almeno con tenerezza.

Alcune sere fa sono “caduta nel mio sottomondo”… lasciato all’età di 14 anni: i personaggi che lo abitavano erano diversi, gli ambienti modificati di aspetto e di uso, ho cercato di ritrovare almeno il cappellaio, il bianconiglio, lo stregatto… mi ci è voluta molta fantasia!!!

È stato un viaggio piacevole, curioso e… istruttivo! Niente incubi, niente mostri da sconfiggere… hmm, allora perchè raccontarlo?

… sshhhh:  il bianconiglio si è fatto inseguire giù, giù… a 500 anni di profondità!

Ci troviamo in cortile, dove io ho giocato tanto…

Pallavolo, palla-palo, una specie di baseball senza mazza e guantone, calcio, sì proprio calcio con la Gianna che conosceva tutte le regole e faceva da arbitro e allenatore, ma più di tutto “Palla-morta”,  meglio conosciuto oggi come “palla-prigioniera”. Quante partite, eravamo fortissime e con le ragazze ospiti eh eh… le “ster-mi-na-va-mo” sorridendo, quindi la “regina Rossa” ci richiamava e ci metteva in disciplina perché non umiliassimo troppo gli ospiti!!

Ma il nuovo bianconiglio questa sera mi guida nel lontano 1500 e mi mostra non un cortile ma un giardino, con verde e fiori,    l’acqua si raccoglie al centro e viene convogliata in una cisterna per poi essere riassorbita dal terreno, ogni antico abitante può sedere in giardino ma rispettando il proprio posto, il superiore ha un posto di riguardo: verso sud per ricevere i preziosi raggi di sole, “gli ultimi” avevano i posti meno soleggiati, quelli rivolti a nord.

La temperatura, le stagioni, le ore di luce e di buio erano fondamentali: il bianconiglio ci mostra due meridiane sulle pareti, una non bastava a indicare l’intero percorso solare, quindi quando la prima restava in ombra interveniva la seconda. Quando il cielo era coperto o durante la notte venivano utilizzate lanterne e candele di cui si conosceva la durata.

………………………………….

Per continuare il racconto clicca – 2. La fontana e lo stregatto – 15 Jul 2010

Annunci

2 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Alicesottoterra
    Lug 20, 2010 @ 14:20:44

    Che idea stravagante quella di farsi guidare da un Bianconiglio in epoche e luoghi vecchi e nuovi! Vedo che il blog è cresciuto, cambiato: complimenti, è un bel lavoretto! 🙂
    E via con la poesia, anche! (Ho letto il post “la mia poesia”, e credo che la Virginia -tralaltro neanche l’ho mai letta, ma da quel che leggo qui- sia un ottimo modo per avvicinarsi alla poesia, che al contrario, è bene svincolare da questi concetti di intimità e incomunicabilità che non sempre gli appartegono. La poesia utilizza un linguaggio che affonda spesso in immagini fiabesche o oscure, ma non per questo deve essere considerata a priori meno diretta della prosa, il fatto di ‘non capire’ una poesia è assolutamente sottovalutabile, le poesie hanno più significati, ma ben venga, e ben venga anche che il lettore ‘travisi’, è proprio della natura di questo genere l’avere pluridimensioni e pluridirezioni. Comunque sia, non sono neanche una grande amante della poesia XD.)

    Rispondi

    • alicemate
      Lug 20, 2010 @ 14:57:14

      Ciao Alice… allora ti è piaciuto il nuovo look?!
      Sai sono in vacanza e in casa mi dicono che ho “buontempo”, diciamo che il caldo del fondo valle concilia lo stare fermi e il disimpegno scolastico il fiorire di idee stravaganti, come giustamente hai detto tu. Inoltre siamo in Alicemate e i collegamenti si fanno in tutte le direzioni… 😉 spero di riuscire anche a farmi capire in questo guazzabuglio di tempi e spazi, che dici??
      Per quanto riguarda la poesia, sai era da un po’ che cercavo di chiarirmi le idee, per questo ho deciso di scrivere e ti ringrazio di aver aggiunto il tuo contributo, sono d’accordo sulla diversa e legittima natura dei due stili (poetico e narrativo), ma quello che mi ha colpito è il cercare di unire le diversità in un testo unico, quello di “una bella prosa”, come vuole Virginia.
      Buona estate!!!

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: