3D cinema e geometria

diario di scuola:

Siamo a  marzo, a scuola la dura vita continua … stiamo scoprendo la linea  retta e le  sue relazioni …in classe,  in palestra, anche alla LIM  ( lavagna interattiva multimediale )  … bisogna aggiornarsi e adeguarsi ai tempi ?!

… e, dopo un periodo di sospensione della lettura in classe  di “Alice nel paese delle meraviglie”… esce al cinema il nuovo film di “Alice in Wonderland” … ma va?  Eh sì, e anche i ragazzi sono incuriositi , ma in particolare i miei alunni sono affascinati  dalla novità della proiezione del film in  3D … ne parliamo in classe  e con sorpresa ritroviamo la …MATEMATICA !! :

la retta ha 1 dimensione,

il quadrato ne ha 2,

il cilindro ne ha 3

Ancora una volta “Alice” aiuta la matematica e la matematica aiuta a capire la novità della proiezione in 3D !!!

Per voi lettori ho ricercato qualche informazione in più …

– la 3D è una rappresentazione  di oggetti tridimensionali tramite un’ immagine bidimensionale attraverso l’uso di tecniche come la prospettiva e l’ombreggiatura  per simulare la percezione di questi oggetti da parte dell’occhio umano

– le tecniche per la proiezione di immagini 3D in movimento si basano su tre sistemi che richiedono l’uso di occhiali speciali per la traformazione  delle immagini proiettate  con specifici proiettori  o su speciali schermi … ,  in immagini con speciali  profondità sceniche.

Occhiali anaglifi        Occhiali a lenti polarizzate     Occhiali con otturatori

…. qualche accenno sui tre sistemi di proiezione in 3D:

  • Anaglifo: due immagini filtrate con due colori diversi vengono discriminate da occhiali con filtraggio complementare.
  • Sistema a oscuramento alternato: le due immagini vengono proiettate in rapida sequenza e vengono discriminate da occhiali dotati di otturatori sincronizzati.
  • Sistema a lenti polarizzate: due immagini proiettate in rapida sequenza su di un apposito schermo riflettente, vengono discriminate da occhiali dotati di lenti polarizzate orientate ortogonalmente l’una rispetto all’altra  dal 2D  al 3D.

— Il regista Tim Burton ha scelto di girare il film in 2D e di convertirlo in un secondo momento in formato 3D.

Le D della geometria:

immagine a 1D                        immagine a 2D                       immagine a  3D

• 0 dimensione = Puntuale                un punto
• 1 dimensione = Lineare                   una linea          (misura di lunghezza)
• 2 dimensione = Areale                     un poligono   (misura di superficie)
• 3 dimensione = Volumetrica        un solido          ( misura di volume)

… spegnamo la LIM, non so se hanno seguito la lezione sulle linee,  qualche chiarimento sulle 3D penso sia arrivato, ma sicuramente i ragazzi hanno avuto un’occasione per apprezzare … la forza della matematica !!

alla  prossima…   ciao


Annunci

6 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Samuele
    Mag 18, 2010 @ 16:04:56

    A quanto ne so nei cinema si usa solo la proiezione con filtri rosso-blu (anaglifo).

    Tra un po’ di anni non serveranno più nemmeno gli occhiali!

    Rispondi

  2. alicemate
    Mag 18, 2010 @ 16:26:47

    … sai. ho passato informazioni che ho raccolto, senza alcuna competenza in merito, se non il collegamento di parole 3D alla geometria e il “sentito dire”… che le immagini dallo schermo si avvicinano e si allontanano dallo spettatore facendolo sentire … come “dentro al film”… è così ??!!

    Rispondi

  3. Samuele
    Mag 20, 2010 @ 09:57:58

    Come hai scritto tu il 3D è creato da immagini sfumate sul blu e sul rosso e poi filtrate dagli occhialini, in modo tale da dare l’impressione della profondità a chi guarda.

    In base a quanto vengono “sfumate” si riesce a creare un effetto di vicinanza e lontananza che in certe scene è molto spettacolare, soprattutto se il film è girato con telecamere 3d (tipo Avatar)

    Ciao!

    Rispondi

  4. nelda
    Mag 29, 2010 @ 21:19:06

    carissima, è da un pò che non ti “guardo ” e stasera scopro una lezione di geometria… così ripasso almeno le nozioni elementari che rischio di dimenticare… brava e complimenti. Mi sa che i tuoi alunni si divertono un sacco.ciao nelda

    Rispondi

  5. alicemate
    Mag 29, 2010 @ 23:13:54

    Ciao, sentivo la tua mancanza!! Infatti sto preparando un nuovo articolo … per non farmi dimenticare!!

    Comunque non sono tutte così le mie lezioni… “al pultloppo” come diceva la Marti….

    A proposito… ho visto che leggi e recensisci … te la spassi!!! E vai…

    Rispondi

  6. Trackback: – Con “La storia della Finta Tartaruga” finisce la scuola!!! « Alicemate!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: