Film di Tim Burton

Sono in attesa di vedere il film “Alice in Wonderland” di Tim Burton, in particolare per l’interpretazione di   Jonny Depp nel ruolo dell’originalissimo    “Cappellaio Matto”.

15.03.2010

Ho visto il film, l’ho visto due volte!! Letti i cattivi commenti degli amanti di Carroll, sono un po’ fuori pista.

Ma io ero convinta già prima di andarlo a vedere che mi sarebbe piaciuto…

Se un artista prende spunto da un ‘opera importante è per darci un’ interpretazione personale, se no che fa? Una copia? Impossibile e inutile o no??

Allora ??

Togliamo le due scene date ai mostri per sfogare le loro energie in inseguimenti e catture spettacolari, distruttive, rumorose e di durata eccessiva…

Togliamo il personaggio poco appetitoso di Lord da sposare che fa pensare che la nostra Alice non debba essere necessariamente molto sveglia per preferire seguire un coniglio per prendere tempo…

Togliamo la recitazione cavernosa del Jabberwocky da parte di un tetro cappellaio…

HO PORTATO A CASA ALCUNE GIOIE:

L’omaggio all’amicizia (per me amicizia non amore), a questo dolcissimo e forte valore che sa far cambiare gli eventi ma non i destini, che non è assillante, non è schiavizzante, dà coraggio e libertà….

Sarà che il personaggio di Jonny Depp “doveva piacermi” ??… non è stato proprio completo il mio appagamento ma mi ha soddisfatto il suo ruolo di “amico”.

E il messaggio al mondo femminile??

Liberatorio, anche se un po’ alla Pocaontas, ma d’altronde siamo nel 1800… dove anche sposare un ricco Lord stomachevole era meno improbabile di oggi.

I richiami al racconto originale come le  scene con la tana del coniglio, il giardino fantastico, la tavola del tè e la costruzione dei personaggi … non sono una celebrazione del nostro Carroll?!

Se volete sentire la colonna sonora del film clicca qui

Voi che ne dite?

Annunci

1 Commento (+aggiungi il tuo?)

  1. eci
    Mar 15, 2010 @ 22:21:02

    sono stato ben sveglio per tutto il film nonostante fossi un po’ stanco e la pubblicità pre-film mi avesse stremato. Buon segno. Scherzi a parte mi è sembrato stimolante soprattutto per le ambientazioni, costumi, dialoghi, solo apparentemente banali. Qualche scopiazzatura da Herry Potter ???? Curiosa e originale l’idea di una seconda visita di Alice che così completa la sua crescita e diventa donna. Mi è sembrato che in conclusione sia veramente finito l’incubo della giovinezza e sia iniziata la maturità, conquistata per vie contorte e difficili. Alice è in pace con se stessa e ……..ci ho “dormito sopra” bene anch’io.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: